Convegno su Diritto e Omofobia: la rete di collaborazioni e gli interventi dei relatori

Si è svolto il 27 novembre alle 14:30 presso il rettorato dell’Università di Siena il convegno riguardante la tematica:Diritto e Omofobia.

Alla realizzazione del convegno hanno contribuito:

  • il Movimento Pansessuale: un’associazione di promozione sociale nata a Siena dall’iniziativa spontanea di un gruppo di ragazze e ragazzi.Il loro intento è quello di creare un movimento che accolga tutti, indipendentemente dal proprio orientamento sessuale e dalla propria identità di genere.
    Per realizzare tutto questo nell’aprile del 2009 si sono costituiti come associazione, volutamente apartitica.

 

  • la Rete Lenford: l’Avvocatura per i diritti LGBTI è un’associazione di avvocate, avvocati e praticanti costituita nel 2007 allo scopo di sviluppare e diffondere la cultura e il rispetto dei diritti delle persone LGBTI (lesbiche, gay, bisessuali, transgender e intersessuali).RetelenfordL’associazione agisce per promuovere lo studio e la conoscenza delle questioni LGBTI tra tutti gli operatori del diritto, sollecitando il rispetto e la promozione delle differenze. Si occupa della tutela giudiziaria delle persone omosessuali, transessuali e intersessuali, in particolare nel contrasto alle discriminazioni.L’Avvocatura Rete Lenford si è così nominata in ricordo del truce omicidio di un attivista jamaicano, Harvey Lenford, impegnato a favore dei diritti delle persone sieropositive.Regione Toscana
  • la Regione Toscana: la regione ha finanziato nel 2014 una ricerca che riguardasse un approfondimento sulla tematica dell’Omofobia in Toscana all’interno delle istituzioni dei capoluoghi di provincia della regione. Da questa ricerca sono nati alcuni interventi di sensibilizzazione sul territorio toscano (a partire dall’isola d’Elba, si veda l’archivio degli articoli su questo sito per approfondimenti) tra i quali il presente convegno.Università degli Studi di Siena
  • Università di Siena: nella figura del magnifico rettore dell’Università che ha portato i saluti dei membri dell’Università è stato possibile svolgere il convegno all’interno dell’aula magna del rettorato dell’Università di Siena.

Gli interventi hanno analizzato alcuni aspetti psicologici e giuridici riguardanti l’omofobia e quali conseguenze questa determina sugli omosessuali e i transessuali.

La sottoscritta ha analizzato come nasce e si sviluppa all’interno di un contesto sociale l’omofobia e come questa determini atti di violenza e bullismo nei confronti dei soggetti omosessuali e transessuali. A partire da una definizione di omosessualità e omofobia sono stati analizzati gli stereotipi e i pregiudizi che alimentano comportamenti omofobici e discriminazioni nei confronti dei soggetti con orientamento sessuale o identità di genere contrastati dalla nostra società.

L’avvocato Mammini ha illustrato i risultati della ricerca svolta dalla regione Toscana approfondendo sul piano giuridico la tematica dei crimini d’odio e come si configurano questi in relazione alle persone LGBTI, affrontando la questione sul piano del diritto penale.

L’avvocata Caput ha invece parlato della tematica della discriminazione nel luogo di lavoro delle persone LGBTI alla luce della giurisprudenza recente.

Infine l’avvocato Genova ha toccato l’area del diritto di Famiglia e dei recenti casi che hanno coinvolto le famiglie same-sex.